vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Chiesanuova appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Storia

Il Paese di Chiesanuova è situato presso il torrente Riale, sul versante meridionale del Monte Quinzeina, nella parte più occidentale della Valle Sacra, a 687 m. sul livello del mare.
Sorge su un terrazzo naturale e costituisce uno dei più suggestivi punti panoramici della Valle stessa.
Borgo di origine medioevale, fu feudo dei San Martino di Castelnuovo, che dal 1400 assunsero il titolo di Chiesanuova.
Salendo dalla frazione Priacco di Cuorgnè si supera il bivio per Borgiallo e quello per Navetta e per Frassinetto; vi è un ponte detto " di Pietro " dal nome del margaro che ivi venne assassinato per rapina, poi la strada prosegue cin ampi tornanti costeggiando la frazione Villanuova, supera un paio di volte il torrente della Budlera e arriva al Crosio dove si trova la cappella di San Rocco. Dopo alcune case isolate e superati degli edifici allineati lungo la strada si arriva al Cresto Superiore, considerato il centro del paese, dove si trovano la Chiesa Parrocchiale di S. Maria Maddalena e la casa parrocchiale di S. Maria Maddalena e la casa parrocchiale costruita nel 1965 sul luogo dell'antico cimitero; poco sotto è il Cresto Inferiore ( Cresotàn ).
Proseguendo per la strada provinciale si incontra un bivio: a destra si va al Molino e alla località Tempia, a sinistra si sale alle borgate di Strole, Ca'd tranta, Let, Roncaglioni.
A Strole vi è la cappella della cappella della Consolata. Più a monte si vedono case e baite spesso indicate con il nome dell'attuale o di un antico abitante.
Le montagne della Quinzeina (2344 m.) e di Camp Fern (Confier - 1365) del Farlei verso nord e la colina del Belice (965 m.) verso occidente fermano lo sguardo che, nei giorni sereni, spazia fino a Torino e oltre.
Dal Cresto Superiore si sale poi alle frazioni Piloni, dove esistono numerose edicolette votive, e Massè, attraverso una mulattiera o una strada asfaltata che passa dietro al cimitero e sale fino alle case Brogliatti ed al Bornio, situato al fondo di una strada cieca. Su a Belice esiste un'area attrezzata dislocata all'ombra dei castagni e una chiesetta dedicata alla Madonna Consolata, situata già nel territorio di Cuorgnè.